Eliminare le zanzare: quando è meglio procedere alla disinfestazione

Fastidiose e non solo: le zanzare sono anche pericolose perché possono trasmettere alcune malattie, in qualche caso gravi. Per questo bisogna assolutamente fare in modo di liberarsi da una tale specie di…ospiti indesiderati.
Ma c’è un periodo ideale, nell’arco dell’anno, in cui conviene procedere alla disinfestazione? Per sapere quando agire e liberare la casa e il giardino da questi insetti molesti, bisogna fare riferimento al loro ciclo vitale.
Le zanzare, infatti, non solo solo un problema “stagionale”: vediamo come fare per eseguire un’efficace disinfestazione e quando è meglio procedere.

Eliminare le zanzare: la stagione adatta

1. Cosa fare in inverno

Le zanzare hanno una straordinaria capacità di adattamento: se è vero che sono maggiormente attive nei mesi più caldi, in inverno le zanzare tendono a nascondersi, quindi sono meno presenti in casa.

Attenzione, però, il fatto che tu non le veda (e, soprattutto non le senta), non significa che non ci siano: sono solo…in altre faccende affaccendate!
E, precisamente, alcune specie (come la “culex”, quella più comune), si limitano a svernare, mentre altre (come la zanzara tigre), possono essere occupate a deporre le uova, che sono molto resistenti anche alle basse temperature.
Oltre a questa importante mansione, le zanzare tigre in inverno si adoperano per fare in modo che la loro prole possa svilupparsi; tutto ciò in attesa di manifestarsi, insieme alla loro discendenza, nel periodo primaverile.

Il tardo inverno sembra quindi essere il periodo migliore per sorprendere le zanzare tigre e procedere ad eliminarle, approfittando del fatto che sono così impegnate a moltiplicarsi per preoccuparsi di molestare gli esseri umani.
Effettuando una disinfestazione in questo periodo, otterrai un doppio risultato: eliminare non solo le zanzare adulte, ma anche le loro larve, evitando così il rischio che se ne aggiungano di nuove, oltre a quelle che già occupano casa tua.

2. In primavera: prime avvisaglie dell’imminente invasione

Nella nostra Regione Sicilia, le zanzare comuni si riproducono a partire dalla metà di marzo, quando in media le temperature sono superiori ai 10 °C e le ore di luce giornaliere sono più di 12.
In questo periodo ti conviene attuare una politica di prevenzione, per evitare di subire una vera e propria invasione di zanzare in estate. Nell’arco di due o tre settimane, infatti, le larve diventano adulte; nei mesi più caldi questo lasso di tempo si abbrevia e le nuove generazioni sono in grado di svolazzare allegramente dopo solo una settimana.

Anche in primavera, quindi, si può agire e iniziare la disinfestazione: attaccare le zanzare nei mesi non troppo caldi avrà lo stesso risultato ottenibile in inverno, perché le larve sono ancora in divenire, non sono ancora “operative” e possono essere eliminate prima che raggiungano lo sviluppo completo.

3. Arriva l’estate, il periodo cruciale

Il caldo, specialmente quello umido, rende le zanzare particolarmente aggressive: si sa, infatti, che l’estate è il periodo in cui il fastidio derivante da questi insetti è molto più accentuato.
La disinfestazione, nei mesi estivi, diventa praticamente obbligatoria: se non l’hai fatto prima, dovrai occuparti di eliminare le zanzare (vecchie e nuove) che girano per casa, in giardino e in qualunque spazio, perché questo è il periodo dell’anno in cui gli insetti sono in piena attività.

Ti conviene agire prima che inizino a disturbarti notte e giorno, con quel fastidioso ronzio dovuto al battito di ali e a pungerti dappertutto, nutrendosi del tuo sangue senza apparentemente saziarsi mai (in realtà si danno il cambio, concordando tra loro estenuanti turnazioni…).
A fine agosto, quando il clima inizia a rinfrescare, le zanzare giungono alla fine del loro periodo di attività, ma non puoi ancora abbassare la guardia: nel mese di settembre si manifesta infatti il picco di infestazione e la presenza delle zanzare è al culmine.

4. Autunno: fine di un ciclo…e inizio di un altro

In autunno le zanzare sono meno presenti e meno semplici da scovare, ma in realtà… ci sono!
Da questo momento in poi dovrai focalizzare l’attenzione su alcuni segnali indicativi del fatto che nella tua casa si è instaurata una colonia di zanzare: se nei mesi più freschi noti la presenza di alcune di loro, significa che hanno stabilito la residenza presso la tua abitazione e hanno anche installato una nursery dove depositare le uova. Ciò significa che, nel resto dell’anno, avrai una vera e propria invasione di zanzare in casa tua.

Soprattutto se vivi in una zona dal clima umido o in prossimità di acque tendenzialmente “ferme” (laghi, stagni, paludi, risaie…), la presenza delle zanzare tende ad aumentare e possono ancora essere fameliche e aggressive.

5. Qualche consiglio per concludere

I rimedi “fai da te” sono adatti a contrastare il problema solo per circostanze contingenti e hanno, comunque una durata limitata nel tempo.

La strategia più efficace è quella che conta su un intervento professionale: l’utilizzo di sistemi mirati e funzionali consente di procedere in maniera attenta e di portare a compimento la disinfestazione in modo corretto.
Una ditta specializzata come Pulizia&Servizi, si occuperà non solo di utilizzare prodotti adeguati allo scopo, ma anche di porre in essere altri interventi utili: ad esempio, curare il giardino per evitare che le zanzare trovino in un ambiente incolto il loro habitat ideale; oppure scegliere le sostanze idonee a disinfestare un orto, dove crescono piante da frutto che non possono in alcun modo essere contaminate.

I prodotti disinfestanti vengono nebulizzati attraverso strumenti appositi, utilizzandone solo una quantità utile a raggiungere il risultato desiderato, anche attraverso lo studio delle diverse zone da trattare. Spesso si tratta di composti che uniscono sostanze chimiche, miste ad altre di origine naturale: esistono, infatti, piante che hanno un effetto repellente per le zanzare (come il rosmarino, la citronella, il geranio…) e assicurano non solo che i fastidiosi insetti vengano eliminati, ma anche che giungano alla determinazione di non tornare più in un luogo per loro inospitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *